Brasile: deejay padovano arrestato per feste “clandestine”

146
Modenese in una festa a Mosca nel 2014

Di certo è diventato famoso. Non ne parlano solo i giornali locali come La Voce di Rovigo o il Mattino di Padova ma anche quotidiani come Repubblica. Lui è Paride Modenese 31 anni, noto organizzatore di party bassopadovano originario di Casale di Scodosia. In piena pandemia ha organizzato un tour e party di gran lusso in Amazzonia, proprio mentre lo Stato brasiliano si trova nel culmine della pandemia, e si registrano migliaia di decessi ogni giorno. La sua difesa è stata: “Una crociera di 5 giorni sul Rio Negro. Non era una rave, la gente ha pagato dai 2 ai 5mila euro. Avevamo i permessi, siamo tranquilli”. La polizia brasiliana intervenuta a mitra spianato ed in tenuta antisommossa non è d’accordo con Modenese. Una sessantina in tutto i fermati, fra i quali il dj Paride Modenese, figlio di un’importante famiglia di mobilieri. Per loro, se va bene, scatterà l’espulsione.

fonte: Repubblica, La Voce di Rovigo, Facebook