Carbonara Day e il segreto di Gualtiero Marchesi

43
Una perfetta carbonara con il guanciale

Oggi in tutto il mondo è il Carbonara Day. Ricetta storica celebrata da Barilla con un un corto di circa 10 minuti diventato virale in pochi giorni. Un cuoco (Claudio Santamaria) incontra un soldato americano in missione in Italia durante la Seconda guerra mondiale e ha la missione di preparare un pasto indimenticabile per le truppe. Uova, bacon e pasta: così nacque (secondo una leggenda) la carbonara. Sì, avete letto bene, bacon. Infatti il video ha suscitato polemica tra i puristi amanti del guanciale. Pasta lunga o corta? Con lo spaghettone non si sbaglia mai, meglio se trafilato al bronzo, anche se molti non disdegnano il rigatone o i tonnarelli. Da evitare la pasta all’uovo ed il guanciale, mi raccomando, va fatto “sudare”. Assolutamente no la cipolla.

E la panna? No, anche se non tutti sanno che il famoso chef Gualtiero Marchesi nel lontano 1989, all’interno della collana La Cucina Regionale Italiana, usa la panna in quantità preoccupante. Avanguardismo o blasfemia? No, non dovete rispondere, dimenticate e basta. Noi restiamo semplici, e se vi serve maggiore cremosità unite all’uovo un po’ di acqua di cottura della pasta. Quindi riassumendo: spaghetti, pecorino romano, uova solo il tuorlo (a temperatura ambiente), guanciale amatriciano, sale e pepe quanto basta e una bella padella di ferro. Tutto qua. E buon appetito.

fonte: web