Ferrara, chiusura “Madame”: la risposta del locale.

259

Tutti i quotidiani di Ferrara e Rovigo hanno pubblicato la notizia. Certo fa notizia, loro hanno il paravento del dovere di cronaca ma di certo non è una bella notizia. Innanzitutto perché parla di chiusura, anche se temporanea, di un locale. Un’esperienza che non farebbe piacere a nessuno oltre che danneggiare artisti, baristi, camerieri, pr, fotografi, security etc. oltre agli stessi gestori, categoria sempre più rara. Oggi aprire un locale, sia esso una discoteca o un bar comporta centinaia di difficoltà. Noi che lavoriamo in questo ambiente da più di vent’anni non li invidiamo proprio anche se gli auguriamo di resistere e andare avanti. Ancora più triste è leggere post della concorrenza che gode, quasi festeggia per le disgrazie altrui in quella che oramai è da considerarsi una guerra tra poveri. Se proprio dovete farlo siate almeno più discreti. Ma venendo ai fatti, vi lasciamo alla dichiarazione ufficiale del Madame Butterfly pubblicata qui sotto e presa dallo loro pagina Facebook. Vorrei fare notare che, secondo quanto scritto, i controlli di questo locale sono tantissimi. Quasi troppi. Ma inutili se un maggiorenne durante la serata dà da bere alcolici ad un minorenne, scena vista anche in alcuni bar di Rovigo ed altre città…