Importante: ulteriore proroga per patenti di guida e revisione auto

118

Una notizia utile quanto interessante per molti automobilisti italiani. E’ stato emanato dalla comunità europea il nuovo provvedimento che riguarda un’ulteriore proroga di 10 mesi sulle revisioni auto e patenti di guida scadute o in scadenza tra il primo settembre 2020 e il 30 giugno 2021. Il provvedimento è stato pubblicato il 22 febbraio 2021 sulla Gazzetta Ufficiale Europea, confermato dal Ministero dei Trasporti con una circolare emanata l’1 marzo 2021 ed è entrato in vigore il 6 marzo di quest’anno. Oltre alla proroga di 10 mesi per le nuove scadenze, è stata data la possibilità di prorogare di 6 mesi il rinnovo patente e revisione auto per chi già precedentemente aveva usufruito della dilazione di sette mesi. Ricapitolando, la nuova proroga delle scadenze ordinata dalla UE riguarda tutte le patenti, le CQC e le revisioni auto scadute tra l’1 settembre 2020 e il 30 giugno 2021. Quindi, può usufruire della proroga per la scadenza della patente di guida in Italia chi:

– ha la patente di guida che scade nel periodo compreso tra il 1/09/2020 e il 30/06/2021 si considera prorogata per un periodo di 10 mesi dalla data di scadenza su di esse indicata;

– ha la patente di guida che, dopo l’applicazione della precedente proroga di cui all’articolo 3 del regolamento UE, sarebbe scaduta nel periodo compreso tra il 1/09/2020 e il 30/06/2021 si considera ulteriormente prorogata per sei mesi e comunque mai oltre la data del 1/07/2021, se la predetta proroga di 6 mesi viene a scadere prima.

Per quanto concerne la revisione delle auto vale la proroga di 10 mesi per coloro che avrebbero dovuto effettuare la revisione o dovrebbero effettuare la revisione nel periodo compreso tra 1/09/2020 e il 30/06/2021. Inoltre, per i soggetti a cui la revisione era scaduta tra Gennaio e Febbraio 2021, mesi in cui non era stata prevista nessuna proroga si attendono aggiornamenti dal Ministero dell’Interno e della Motorizzazione al fine ultimo di comprendere se sarà previsto un rimborso delle sanzioni eventualmente già pagate.

fonte: Eurotarget, web