Rosolina, la tradizione rivisitata di Bosello

81

Siamo tornati a trovare il Ristorante Bosello di Rosolina e accolti come sempre dal simpatico Michele abbiamo colto al volo l’occasione di un venerdì di quaresima per gustare delle specialità di pesce. Dopo tanti mesi lo chef Max continua a stupirci con piatti nuovi, sempre ben costruiti, originali ed ovviamente straordinari al palato. Il tutto senza dimenticare la tradizione ed il prodotto locale che Max interpreta sempre in maniera sorprendente. E’ questo il caso, ad esempio, dell’antipasto: moscardini cotti a bassa temperatura e quindi saltati con funghi muschietti ed adagiati su una crema di mango con riduzione di vino rosso. I moscardini sono morbidissimi, si squagliano in bocca. Ottimo il contrasto con l’agrodolce del mango. Il tutto accompagnato da una cialda artigianale ed una punta di aceto, nuovo acquisto del ristorante.

Dopo l’antipasto Max ci ha davvero coccolato con uno spaghettone (foto copertina) con vongole di Porto Caleri, cappe longhe e patacchine (erbe locali). Ottimo. La sorpresa poi è stata il merluzzo, un pesce che normalmente non ci emoziona molto. Ma cotto a bassa temperatura su letto di friarielli e accompagnato da salsa teriyaki si rivelato un piatto delicato ma anche intenso e veramente intelligente.

Ristorante Bosello, via Santa Teresa, Rosolina (RO). Tel. 328/9372367