Rovigo, brindisi di plastica. E’ polemica.

68

Quando abbiamo letto la notizia la prima cosa che abbiamo pensato è ad un vecchio successo di Carmen Consoli che per addolcirvi abbiamo messo a fine post. Secondo La Voce di Rovigo, giovedì scorso di bottiglie e calici di vetro se ne sono visti eccome ma l’ordinanza resta. Il divieto assoluto di usare vetro e lattine fino a 100 metri dell’evento è già attuativa e senza eccezioni. Ma qualcuno non è daccordo. “L’ordinanza va rispettata e io la rispetto – spiega Joe, titolare del Canevone – infatti usiamo i bicchieri di plastica anche per la birra per i clienti di passaggio. Diverso però è il discorso della mescita del vino ai tavolini. Impossibile servire qualcosa solo nella plastica. Non puoi bere un buon calice di vino se non in un bicchiere, non è tecnicamente possibile”. La tradizione del vetro per le bibite di qualità è sottolineata anche da Lorenzo Paparella, del Caffé Borsa: “L’ombra va bevuta dentro un bel bicchiere di vetro, non c’è da discutere. Anche se capisco le esigenze di sicurezza oramai diffuse. E non faccio un discorso di convenienza, perché per noi è molto più conveniente usare la plastica piuttosto che mandare sempre avanti la lavastoviglie per pulire il vetro, sia chiaro. La plastica è molto più facile”.

fonte: La Voce di Rovigo